In tutte le tradizioni e i simboli di Pasqua ricorre il concetto di rinascita e di nuova vita. In questo senso, sin dall’antichità, l’uovo ha ricoperto un grande valore simbolico ed è stato identificato come il simbolo della vita e dell’arrivo della bella stagione, la primavera. La scelta di regalare un proprio uovo non è casuale. Le prime attestazioni di scambio di uova si hanno addirittura tra i Persiani, quando all’inizio della primavera, per celebrare la rinascita della natura, erano soliti regalarsi proprio delle uova. Per gli antichi Egizi l’uovo era invece l’origine di tutto e il fulcro dei quattro elementi (aria, acqua, terra e fuoco). Con l’avvento del Cristianesimo l’uovo diventa il simbolo del miracolo della Resurrezione di Cristo. Nello specifico, durante la Pasqua, i primi cristiani erano soliti dipingere le uova di rosso, simbolo della Passione, per poi decorarle con simboli sacri e croci. Nei secoli più recenti le riproduzioni delle uova sono diventate delle vere e proprie opere d’arte e se oggi nell’uovo di Pasqua troviamo una sorpresa è merito dell’orafo Fabergé che realizzò per gli zar russi tra il 1885 e il 1917 uova in oro o altri metalli preziosi che al loro interno custodivano dei regali preziosi.

L’arrivo delle uova di cioccolato è incerta. Secondo alcuni, le prime sarebbero state realizzate in Francia ai tempi di re Luigi XIV, per altri, invece, questa variante dolciaria sarebbe stata inventata dai cioccolatai torinesi nel 700.

UOVO FONDENTE

Per 100 g Per porzione media ( 20 g )
Calorie 531 kcal 106,2 kcal
Grassi 34 g 6,8 g
Carboidrati 50 g 10 g
Zuccheri semplici 50 g 10 g
Proteine 6,6 g 1,32 g
Fibra 8 g 1,6 g

UOVO DI CIOCCOLATO AL LATTE

Per 100 g Per porzione media ( 20 g )
Calorie 552 kcal 110 kcal
Grassi 36,3 g 7,3 g
Carboidrati 50,5 g 10,1 g
Zuccheri semplici 50,5 g 10,1 g
Proteine 7,3 g 1,5 g
Fibra 3,2 g 0,6 g

UOVO DI CIOCCOLATO AL LATTE CON NOCCIOLE

Per 100 g Per porzione ( 20 g )
Calorie 553 kcal 110,6 kcal
Grassi 37 g 7,4 g
Carboidrati 48,6 g 9,7 g
Zuccheri semplici 48,6 g 9,7 g
Proteine 7,2 g 1,4 g
Fibra 4,8 g 0,9 g

UOVO DI CIOCCOLATO BIANCO

Per 100 g Per porzione media ( 20 g )
Calorie 584 kcal 116,8 kcal
Grassi 39,5 g 7,9 g
Carboidrati 50,6 g 10 g
Zuccheri semplici 50,6 g 10 g
Proteine 6,5 g 1,3 g
Fibra

 

LA COLOMBA PASQUALE

Durante le festività pasquali ci sono piatti tipici della tradizione gastronomica italiana che vengono solitamente serviti durante il pranzo di Pasqua.

La Colomba, dolce di pasta lievitata di antiche origini. La storia della colomba pasquale è da sempre circondata da miti e leggende che sembrano farla risalire all’epoca longobarda. Tuttavia sono moltissime le interpretazioni considerando che nell’immaginario cristiano-cattolico la colomba è simbolo universale di pace e speranza.

La storia moderna, però, riconosce all’eclettico artista e pubblicitario mantovano Dino Villani la sua diffusione, avvenuta a Milano negli anni ’30. Viene preparata con molti ingredienti naturali come uova, zucchero, burro, farina manitoba, frutta candita. Come ogni altro dolce preparato con dei buoni ingredienti, quindi, la colomba può essere contemplata nello schema alimentare di un periodo di festa come questo. Va però mangiato con moderazione, senza esagerare, infatti una porzione di 130-150 grammi può apportare sino a 600 calorie con una rilevante quantità di grassi e zuccheri.

 

Prof.ssa Silvia Migliaccio, Segretario Nazionale Società Italiana di Scienze dell’Alimentazione

Dott.ssa Linda Leone, Biologa Nutrizionista

Dott.ssa Benedetta Vergari, Biologa Nutrizionista

Dott.ssa Erica De Angelis, Biologa Nutrizionista

Dott. Emanuele Campo, Biologo Nutrizionista